La più bella spiaggia della Turchia: Patara Beach

Lo sapevi che lungo la costa turchese della Turchia si trovano alcune spiagge spettacolari? Patara Beach è una di queste. Ma andiamo con ordine!

Alla ricerca del deserto Turco

Un mattino ci siamo ritrovati lungo una strada che si stringeva sempre di più, dove l’asfalto lasciava spazio a terreno e pietre, fino a trovare il piazzale perfetto, affacciato sulle dune di Patara. Davanti a noi il deserto, di nuovo, ancora. Una costante del nostro viaggio. Come il cielo, la terra, il mare.

Abbiamo raggiunto la prima duna, la seconda, la terza, in un sali e scendi in cui arrancare, in cui ogni passo era conquista verso la costa. Finché le mani non hanno trovato l’acqua, finché un’onda prepotente non ha invaso le nostre scarpe e la nostra risata creava un’eco, mentre tornavamo indietro ritrovando la via attraverso granelli di sabbia dorati, gli stessi che d’estate ospitano il nido di migliaia di tartarughe.

Al piazzale c’erano il nostro van, una coppia di inglesi, i turchi. E poi ancora i tedeschi e infine due francesi. È iniziato così il gioco dei nomi: Frieda e Sebastian, Gulcesa e Orkan, Pauline e Gabriel, Kaya e Ross. Tatuati nel cuore. Mentre parlavamo grazie a quell’inglese che ha il potere talvolta di accorciare le distanze il sole infuocava il cielo, come a voler in qualche modo illuminare il destino che ognuno di noi affidava al vento e confidava a un gruppo diventato ben presto famiglia allargata. E poi il legno, il fuoco che si alimenta, mentre nuovi discorsi prendevano forma, mentre ardeva il desiderio di scoprire quanto più possibile le storie altrui, sotto un cielo trasformatosi in tetto stellato. Purtroppo non abbiamo potuto fermarci molti giorni perché l’indomani un fuoco divampato nella valle vicina ci ha costretti a fuggire in piena notte per lasciare spazio alle unità di soccorso qualora avessero avuto bisogno e poi ha iniziato a piovere, rendendo la strada un accesso per noi quasi impossibile.

Si può sostare con il camper a Patara Beach?

Sì, e anche gratuitamente, tranne in estate, periodo nel quale nidificano migliaia di tartarughe marittime.

E i dintorni?

Se vuoi visitare anche i dintorni di Patara Beach eccoti alcuni consigli:

  • Fethiye: con le sue tombe scavate nella roccia. Uno spettacolo a cielo aperto. A pochi chilometri si può raggiungere la spiaggia di Oludeniz.
  • Pinara: un sito archeologico meraviglioso, con il suo teatro romano incastonato nella roccia e attorniato da prati verdi, una stradina che sale verso le antiche tombe realizzate completamente nella roccia della montagna, i resti di un tempio di Afrodite con rocce di forma fallica.
  • Kas: una città carina da visitare, molto turistica, ma con un anfiteatro con vista mare stupendo!
  • Monte Chimera: per raggiungerlo abbiamo attraversato strade incastonate fra le montagne, con ruscelli ingrossati ai bordi, sotto a un cielo spettrale con fulmini che illuminavano da lontano il mare. Uno spettacolo, seppur a tratti spaventoso. Ci siamo parcheggiati vicino alle barche in rimessaggio e ci siamo addormentati fra tuoni, boati e gocce rumorose. È stato solo quando ci siamo accertati che non avrebbe più piovuto fino a sera che abbiamo deciso di visitare la valle alle nostre spalle, dove ci si incammina per un chilometro su scalini creati nelle rocce, tutti a debita e faticosa distanza tra di loro fino a raggiungere quei fuochi naturali che rendono questo luogo speciale. Il Monte Chimera è noto per la presenza di gas naturali nel sottosuolo che alimentano fiamme sempre presenti, mentre il suo nome lo lega all’antico mostro mitologico dal corpo di leone con una testa di capra sulla schiena e la coda di serpente. Fortunatamente siamo arrivati in cima in compagnia di un innocuo gattino dal pelo bruciacchiato, mentre la luce del giorno mascherava ancora la magia del posto. Poi d’improvviso si è spalancata una finestra naturale di fronte a noi, con il tramonto che tingeva il mare di mille e più colori, tra il crepitio del fuoco e il calore delle fiamme.

Arigatou, alla prossima.

🇮🇹 → 🇯🇵 9268 km (in linea d’aria)

comments powered by Disqus

Articoli consigliati

Storie di straordinaria follia: il Kurdistan Iracheno

Nuovo appuntamento con “Storie di straordinaria follia” sempre in collaborazione con Simone di Radio Italiana 531 . Oggi vi portiamo alla scoperta del “paese che non esiste” ovvero il Kurdistan Iracheno.

Leggi

Storie di straordinaria follia: Puntata Turca

Storie di starordinaria follia è un podcast nato un po’ per caso, un po’ grazie a un’intuizione, un po’ perché c’è ancora chi ha voglia di raccontare e ascoltare cose belle.

Leggi

Nemrut dağı: con i piedi nella neve in Turchia

Sapevi che in Turchia si trova un monte sulla cui sommità sono state erette alcune statue più alte di noi umani?

Leggi