Nuova Aquitania in camper con cane e gatto: itinerario, consigli e informazioni utili

Visitare la Nuova Aquitania in camper ci ha regalato panorami unici affacciati sulla costa atlantica del sud della Francia. Siamo arrivati in questa regione dopo aver visitato la Normandia e la Bretagna e siamo stati felicissimi di scoprire queste zone fino a raggiungere il capoluogo Bordeaux per poi dirigerci a Bayonne e Biarritz.

Tabella dei contenuti
Itinerario

Vuoi visitare questa regione giorno dopo giorno insieme a noi? Abbiamo ricreato un piccolo diario giornaliero. Se vuoi leggere il nostro itinerario in breve lo trovi qui, mentre se vuoi sapere le nostre considerazioni e quali tappe riteniamo imperdibili puoi cliccare qua.

Giorno 1-2: siamo arrivati a La Rochelle sotto al diluvio, motivo per cui abbiamo deciso di sostare nei pressi dell’aeroporto e fare giusto due passi sulla scogliera. L’indomani abbiamo visitato il centro città sempre sotto al diluvio, spostandoci nel parcheggio vicino al piccolo porticciolo e scoprendo il mercato coperto. Nel pomeriggio ci siamo spostati lungo le sponde di un fiume per sgranchire le gambe passeggiando seguendo la riva e poi a Saint-Thomas-de-Conac, un piccolo paesino di campagna, per la notte. Sosta in libera.

Giorno 3-4: abbiamo approfittato del sole per pulire tutto il van, immersi fra le colline del luogo, per poi dirigerci a Bordeaux, dove abbiamo sostato nei pressi di un lago fuori città. Ne abbiamo approfittato anche per cercare un’officina per fare cambio olio e filtro e sistemare alcuni problemi al van.

Giorno 5-6: sbrigate le incombenze meccaniche ci siamo diretti nel parcheggio messo a disposizione da una famiglia che abita vicino alla vigna di proprietà a Vignobles Pestoury. Abbiamo approfittato del giro offerto e della degustazione, acquistando poi un paio di bottiglie di vino, davvero delizioso.

Giorno 7: ultima visita della città di Bordeaux con le sue strade in stile europeo: molto bella Rue Catherine, la Cattedrale, il Municipio. Qui abbiamo assaggiato un buonissimo macaron ripieno di gelato al pistacchio! Abbiamo anche avuto il piacere di conoscere il team di Caramaps, applicazione che usiamo per trovare informazioni su soste e servizi. Sosta libera a Lanton, sulla baia di Cap Ferret.

Giorno 8: ci siamo spostati a Cap Ferret, dove è possibile fare bellissime passeggiate sulla spiaggia e vedere tamonti mozzafiato. Sosta in libera.

Giorno 9-10: abbiamo visitato la vicina l’Herbe, una piccola realtà di pescatori in cui perdersi fra reti e capanne. Poi ci siamo spostati a Biganos, un piccolo porticciolo con una fila di casette deliziose tutte colorate e infine ad Arcachon, dove abbiamo fatto due passi nel quartiere chiamato “Ville d’Hitre”, con ville spettacolari dell’epoca di Napoleone III. Il centro del paese è decisamente chic, si può passeggiare fino a riva assaggiando i pasticcini di pasta choux. Sosta in libera.

Giorno 11: ci siamo spostati alle Dune di Pilat, mentre un vento forte soffiava senza tregua. Un grande peccato osservare parte dei boschi limitrofi bruciati nell’estate 2022. Ci siamo poi spostati verso la spiaggia di Biscarosse, dove abbiamo visto un tramonto spettacolare. Sosta in libera sul lago (in zona ci sono numerosi limiti di altezza).

Giorno 12-13: abbiamo trovato un piccolo angolo di pace presso il lago Mimizan, che permette una bella passeggiata anche sul molo. Notte in libera.

Giorno 14-15: dopo una sosta sulla spiaggia ci siamo spostati a Bayonne prima di cena. Qui abbiamo compriamo un gateaux bretone alla crema pasticciera delizioso, che abbiamo divorato visitando la città. Meritano una visita la Cattedrale e il chiostro. Ci siamo spostati per dormire lungo il mare, in un’area sosta permessa solo fuori stagione, frequentata da numerosi surfisti e da cui si può ammirare in lontananza il faro di Biarritz.

Giorno 16: abbiamo raggiunto Biarritz e abbiamo passeggiato per le sue vie fino a raggiungere la statua della Madonna affacciata sulla costa e il porticciolo, per poi spostarci in un parcheggio affacciato sulla baia con possibilità di fare una bella passeggiata. Da qui noi ci siamo spostati a Saint Jean de Luz per una piccola sosta prima di raggiungere la nostra ultima tappa francese, Hendaye, dalla quale siamo entrati in Spagna del Nord.

In Breve

Di seguito le sole tappe. Abbiamo sempre dormito in libera, in parcheggi in cui non erano presenti divieti o in aree camper gratuite.

Giorno 1-2: La Rochelle - Saint-Thomas-de-Conac

Giorno 3-4: Bordeaux

Giorno 5-6: Vignobles Pestoury

Giorno 7: Bordeaux - Lanton

Giorno 8: Cap Ferret

Giorno 9-10: L’Herbe - Biganos - Arcachon

Giorno 11: Dune di Pilat - Biscarosse

Giorno 12-13: Mimizan

Giorno 14-15: Bayonne

Giorno 16: Biarritz

Strade

Come nel resto del paese non abbiamo trovato strade in condizioni pericolose.

Servizi e soste

In Francia è molto semplice trovare aree di servizio attrezzate e gratuite per carico e scarico. Per le soste in libera noi non abbiamo avuto problemi dato che ci siamo recati in un periodo di bassa stagione. Se ti rechi in estate potresti avere più difficoltà a trovare parcheggio.

Quanto abbiamo speso

Di seguito un’idea di quanto abbiamo speso nei 16 giorni in Nuova Aquitania, tenendo però conto che questo viaggio rientra in un percorso molto più ampio, che ci ha visti percorrere tutta la costa atlantica del paese da nord a sud.

Spese
Totale :

Quando ci troviamo in un paese straniero, soprattutto dove non accettano l'euro, ci affidiamo a questa carta gratuita, che ti permette di pagare senza alcun tasso o addebito.

Viaggiare con il proprio animale
Per viaggiare in Europa con il proprio animale occorre avere:
  • passaporto
  • microchip
  • vaccinazione antirabbica in corso di validità
Controlla, se il tuo animale appartiene a una razza particolare, che sia ammesso in paese. Ti consigliamo di prestare sempre attenzione nei luoghi affollati perché le persone potrebbero avere timore, motivo per cui noi giriamo sempre con i nostri animali al guinzaglio. In parecchi casi è richiesta la museruola, ti consigliamo di tenerla a portata di mano.

Ti consigliamo di portare con te una ciotola (noi usiamo questa che si appende comodamente allo zaino) e una borraccia con acqua se la giornata è particolarmente afosa.
Considerazioni e tappe imperdibili

Non conoscevamo la Nuova Aquitania e dobbiamo essere sinceri, certe sue caratteristiche ci hanno piacevolmente colpiti. Nonostante il clima non sia dei più favorevoli si respira un’atmosfera serena e pacifica.

In camper o auto, le mete imperdibili secondo noi sono :

  • La Rochelle: il paese merita una passeggiata. Se non trovi maltempo ti suggeriamo una visita alle isole vicine.
  • Bordeaux: il capoluogo perde un po’ del fascino di autenticità, però la città offre parecchi servizi e le colline attorno sono bellissime.
  • Baia di Cap Ferret: Cap Ferret, L’Herbe, Biganos, Arcachon..con il senno di poi ci saremmo fermati molto di più in questa zona così poco turistica ma davvero piacevole!
  • Dune di Pilat: un must da vedere questo deserto che si affaccia sulla costa atlantica!
  • Bayonne: a noi questa cittadina è piaciuta davvero tanto, molto più autentica della vicina, più turistica e chic, Biarritz.
Il nostro Vlog

Nel video qui sotto puoi sentire le nostre considerazioni su queste zone oppure trovi la serie completa sul paese a questo link .

Le nostre mappe
Di seguito puoi consultare comodamente le mappe relative al nostro viaggio. Se vuoi sapere come scaricarle e usarle comodamente offline trovi tutto al seguente link
⚠️ in merito agli spot segnati non assicuriamo che esistano ancora! Si prega di mantenere il sito pulito e rispettare le regole. Vandipety non si assume alcuna responsabilità derivante dall’utilizzo delle informazioni fornite nel presente.
Se vuoi ringraziarci puoi offrirci una fetta di torta alle mele al seguente link: PayPal - Satispay

Se hai altri suggerimenti, curiosità o dubbi ti aspettiamo nei commenti 👇

Pinterest
comments powered by Disqus

Articoli consigliati

Storie di straordinaria follia: Puntata Turca

Storie di starordinaria follia è un podcast nato un po’ per caso, un po’ grazie a un’intuizione, un po’ perché c’è ancora chi ha voglia di raccontare e ascoltare cose belle.

Leggi

Pamukkale: Tra rovine e bellezza nascosta, vale la pena visitarla?

Uno dei siti più visitati in tutta la Turchia, Pamukkale, il famoso “Castello di Cotone” con rocce bianche e terme a disposizione di tutti, merita davvero una sosta?

Leggi

Efeso: ne vale davvero la pena?

Continuano le nostre avventure e in quest’episodio di Direzione Giappone, sempre dalla Turchia, siamo arrivati in una delle località più turistiche del paese ovvero Efeso!

Leggi