Pamukkale: Tra rovine e bellezza nascosta, vale la pena visitarla?

Uno dei siti più visitati in tutta la Turchia, Pamukkale, il famoso “Castello di Cotone” con rocce bianche e terme a disposizione di tutti, merita davvero una sosta?

Che spettacolo

C’erano zero gradi al mattino presto quando abbiamo provato a scoprirlo. Paolo è uscito con i soli occhi esposti all’aria gelida, per lanciare il drone e vedere se davvero le vasche in travertino con acqua termale nelle quali un tempo ci si poteva tuffare erano davvero ormai prosciugate.

Quando è tornato con le conferme che temevamo abbiamo deciso di andare a fondo e scoprire cosa fosse successo in questi luoghi.

Di chi è colpa?

Erano gli anni ’50 e a quanto pare alcuni geni dell’edilizia avevano deciso di costruire diversi hotel sulle rocce, raggiungibili attraverso un’innovativa strada asfaltata percorribile non solo a piedi ma anche in bicicletta e in moto. Data la mole di turismo attratta gli hotel usarono l’acqua tutta a disposizione per confortare gli ospiti, mentre i detergenti per le docce rovinarono le rocce di colore bianco e quando tutte le strutture vennero demolite quello che rimase erano vasche di colore nero.

Che poi le vasche ci sono ma sono solo queste

Cosa resta quindi oggi da fare a Pamukkale?

Una passeggiata a pagamento attraverso le vasche originarie svuotate, per far sì che il sole possa sbiancarle di nuovo, e alcune vasche artificiali riempite d’acqua in momenti prestabiliti, oltre a visitare il sito storico di Hyerapolis.

Noi abbiamo deciso di non contribuire a rovinare un sito distrutto negli anni e camminando un po’ qua e un po’ là nei dintorni abbiamo scoperto alcune piccole piscine di uno splendore unico, lontane dal percorso turistico. Siamo rimasti lì in piedi, di fronte a quel candore, all’acqua azzurra che riflette il colore del cielo, al luccichio dato dai raggi del sole, a goderci ancora una volta un silenzioso spettacolo della natura.

Però dormire qui è uno spettacolo!

Vuoi scoprire di più in tempo quasi reale insieme a noi?

Arigatou, alla prossima.

🇮🇹 → 🇯🇵 9161 km (in linea d’aria)

comments powered by Disqus

Articoli consigliati

Storie di straordinaria follia: il Kurdistan Iracheno

Nuovo appuntamento con “Storie di straordinaria follia” sempre in collaborazione con Simone di Radio Italiana 531 . Oggi vi portiamo alla scoperta del “paese che non esiste” ovvero il Kurdistan Iracheno.

Leggi

Storie di straordinaria follia: Puntata Turca

Storie di starordinaria follia è un podcast nato un po’ per caso, un po’ grazie a un’intuizione, un po’ perché c’è ancora chi ha voglia di raccontare e ascoltare cose belle.

Leggi

Nemrut dağı: con i piedi nella neve in Turchia

Sapevi che in Turchia si trova un monte sulla cui sommità sono state erette alcune statue più alte di noi umani?

Leggi